La Fondazione per la Qualità di Vita, costituita il 3 Giugno 2013 per iniziativa di Advanced Algology Research, è un ente senza fini di lucro che si occupa di favorire la nascita e lo sviluppo di progetti che mettano al centro la qualità di vita delle persone.

Advanced Algology Research, associazione riconosciuta per la ricerca scientifica, è da sempre impegnata nel campo della ricerca e della formazione sanitaria nell’ambito della medicina del dolore. In questi anni di lavoro ha maturato esperienze, collaborazioni e rapporti con varie realtà che in Italia e all’estero si sono interessate al complesso mondo della Medicina del Dolore.

Da queste ricerche e confronti è emersa la necessità di affrontare il “problema dolore” non solo dal punto di vista medico-scientifico ma anche nell’ambito della sfera sociale, spostando l’attenzione sulla qualità di vita delle persone. All’interno della definizione di qualità di vita, infatti, vengono racchiusi tutti quegli aspetti che riguardano la salute, intesa, secondo la definizione della OMS del 1946, come “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente di assenza di malattia o infermità”.

Il dolore cronico, come confermano numerosi studi epidemiologici, a tutt’oggi risulta essere uno dei principali problemi sanitari nella popolazione: colpisce individui con un’aspettativa di vita normale sconvolgendone l’esistenza, poichè influenza non solo il corpo, ma anche la psiche, i rapporti interpersonali, l’ambito lavorativo, la possibilità di godere del mondo intorno a sè; priva quindi coloro che ne soffrono di una qualità di vita dignitosa.

Il passo dal raggiungimento di questa consapevolezza alla creazione di una fondazione non è stato breve: il sogno è rimasto nascosto in un cassetto fino a questo momento, in cui le circostanze e la crisi che ha colpito la nostra società in molti suoi aspetti rendono più che mai necessaria una riflessione seria.

La Fondazione per la Qualità di Vita vuole essere un “luogo” in cui idee, progetti e persone si fondano e lavorino assieme per migliorare e proteggere la qualità di vita.

Blog QvNews